Libri

  • img-book

    A. Rossi

    2013 – F.to 15×21, pp. 128

    L’Associazione di volontariato i Pagliacci nasce nel Maggio del 2009, con l’intento di applicare la Terapia del Sorriso all’interno dell’Azienda Ospedaliera di Terni, in particolare modo nella Clinica Pediatrica e nel reparto di Otorino. Presta servizio due volte a settimana, per tutte le settimane e per tutto l’anno, configurandosi così come un valore aggiunto per l’intera Azienda Ospedaliera.
    Collabora con il Centro di Neuropsichiatria Infantile e dell’Età Evolutiva ed in particolare con il Baobab. Conosciutissima nel nostro territorio per l’impegno e per la professionalità che profonde, proprio per questo riceve spesso dimostrazioni di gratitudine da parte delle famiglie e dei Bambini ricoverati, con il risultato di contribuire anche ad una immagine del tutto positiva della nostra città. Ha donato molti strumenti utili per il fabbisogno dei piccoli degenti, come un Pulsossimetro, televisori, carrozzine, otoscopi, misuratori di pressione, inoltre materiale ludico, videocamere, giochi vari, stampanti, durante le festività porta regali, calze, uova di Pasqua. Grande anche l’attività negli Istituti Scolastici, dove presta i propri servizi per sensibilizzare i Bambini sul volontariato e sull’aiuto sociale, attualmente ha in corso progetti con Istituti nel Comune di Terni, Spoleto e Novara.

  • img-book

    Papa Raffaella,
    2019 – F.to 12,5×23, pp. 66

    Raffaella Papa è stata la prima maestra montessoriana di Terni e ha insegnato nella scuola d’Infanzia Cospea.
    È mancata prematuramente e ha lasciato in un fascicolo queste fiabe, la cui struttura indica che sono state scritte insieme ai suoi adorati bambini.
    La mamma di Raffaella, Elpidia, ha recuperato questo materiale e lo ha affidato alle cure della Morphema Editrice.
    I diritti di questa pubblicazione saranno devoluti alla scuola Cospea.

  • img-book

    Serena Grigioni

    2015 – F.to 16×23, pp. 80

    La vita è uno spettacolo teatrale. Sta a noi scegliere se andare sul palco e recitare la parte da protagonisti o rimanere in platea ad osservare.
    Chi sceglie di non accettare la malattia è uno sconfitto in partenza.
    Preferisco di gran lunga combattere con tutta me stessa per vivere, piuttosto che gettare la spugna e sopravvivere.
    Accettare non vuol dire arrendersi ma trovare qualcosa che ci faccia sorridere nonostante tutto, avere un sogno da realizzare nonostante le difficoltà, porsi degli obiettivi da raggiungere nonostante le sofferenze e il dolore.
    Perché finché si è in piedi si va in scena, e dal palco la visuale è decisamente migliore.

  • img-book


    Daniele Di Biagio,
    2024 – F.to 12,5×20, pp. 82
    È con il suo istruttore di guida che Daniele riesce finalmente ad aprirsi raccontandogli la sua storia, una storia semplice, una favola dolceamara testimone della forza e dell’amore di una famiglia felice, una felicità spezzata all’improvviso.
    La storia di una vita, la vita di un ragazzo che tende instancabilmente alla ricerca della madre.

  • img-book

    Antonella Sestito,
    2022 – F.to 12,5×20, pp. 138

    Delfina entra in coma dopo un terribile incidente e Delia corre al suo capezzale, in preda al senso di colpa per aver trascurato quella sorella troppo fragile.
    Nel rientrare in seno alla sua famiglia, Delia si aspetta di trovare intatti i soliti equilibri che ricorda fin dall’infanzia, ma qualcosa di terribile è accaduto.
    La sua lenta e tenace ricerca della verità dietro l’incidente di Delfina la porterà a ridisegnare l’arazzo dei propri affetti, mentre risolve il mistero intriso di sesso, tradimento e morte che ha sconvolto le vite dei suoi familiari.

  • img-book

    L. Paoluzzi

    2014 – F.to 16×23,5, pp. 384

    La fitoterapia e’ da qualche anno di uso corrente in Italia ed alcuni medici hanno iniziato a parlare di fitoterapia di terreno, di fitoterapia clinica e di fitoterapia energetica. Gli aggettivi hanno il compito di specificare di che tipo di fito stiamo parlando e quelli citati hanno tutti lo scopo di sottolineare che è la costituzione del soggetto ed il suo assetto psico neuro endocrino ed immunitario (PNEI) che danno un significato al sintomo e non già la classica triade sintomatologia che connota la malattia. Le piante al pari dell’essere umano sono un insieme organico e funzionale che si sviluppa nello stesso habitat dell’uomo e che i loro costituenti chimici non sono un coacervo  occasionale di molecole chimiche  in attesa di essere da noi sfruttate. Le piante  sono dotate di una energia propria che se ben conosciuta può essere usata per modulare quella umana quando si altera e rimettere il soggetto nel suo percorso fisiologico. questo è il tema che viene affrontato per la prima volta in Italia in questo libro.

  • img-book

    Mario Menghini,
    2021 – F.to 11×16, pp. 58

    “La ricchezza e la varietà dei dialetti della nostra Penisola è un unicum che non ha eguali al mondo. Come le specie arboree e faunistiche fioriscono nei climi più favorevoli alla vita, così lingue ed idiomi si diversificano maggiormente dove maggiore è la stratificazione linguistica e più antico l’insediamento umano”. Fatta questa dovuta e breve premessa, l’autore, con arguta ironia, che mai travalica i confini della volgarità, passa ad analizzare, minuziosamente e in ogni loro accezione, due termini regionali usati in tutta l’area umbra mediana: la frégna e il frégno. Ed è sempre con l’ironia che costituisce l’asse portante di un lavoro che leggerete tutto-di-un-fiato, che egli, incuriosendo fin da subito il lettore, dichiara: “Ma partiamo dalla frégna…”.

  • img-book

    Alberto Crapanzano,
    2021 – F.to 15×21, pp. 82

    L’autore cerca di guardare a Bizet e alla sua travagliata vita nel modo più obiettivo possibile, anche se è difficile non immedesimarsi.
    Da una riflessione nata in seguito a una analisi delle opere di questo autore francese si potrebbe pensare che la continua ricerca di qualcosa di diverso da sé e i soggetti “esotici” non avessero a che fare con la moda del periodo, cioè il gusto per l’esotico nell’arte, ma che riflettessero invece un intrinseco bisogno di fuggire le proprie afflizioni e riversare i propri drammi personali come un amore rifiutato, nel caso di Bizet un amore contrastato, o un’amicizia interrotta in nuovi lavori quasi mai portati al termine; tutto ciò poteva essere l’ unica via di fuga del genio alle difficoltà che la vita gli poneva davanti.

  • img-book

    Francesco Marcelli,
    2021 – F.to 12,5×20, pp. 56

    Enoch è un messaggero cattolico che frequenta la cattedrale “Santuario del Senor Caido” (Santuario del Cristo Caduto), nella diocesi di Girardota (Antioquia – Colombia); il Vescovo locale osserva la situazione e gli permette di frequentare il suddetto Santuario.
    Enoch è un veggente colombiano che riceve messaggi dal cielo. Questi messaggi riprendono il motivo della Grande Tribolazione e dell’Illuminazione delle coscienze (AVVERTIMENTO) che sono oggetto di molti altri messaggi di diversi veggenti in tutto il mondo.
    Questi messaggi sono riconosciuti dalla Chiesa come Rivelazioni Private.

  • img-book

    Piero San Giorgio,
    2021 – F.to 15×21, pp. 284

    «Mi chiamo Giuseppe. Sono prigioniero nella Germania nazista. Mi trovo ai lavori forzati, in una catena di montaggio di motori per camion. Ho fame. Ho freddo. Mi manca la mia famiglia e il mio paese.»
    È con queste parole, che fanno eco alle tematiche dei suoi best seller precedenti, che incomincia il primo romanzo dello scrittore italo-svizzero Piero San Giorgio.
    Conosciuto per i suoi libri che trattano di sopravvivenza, questa volta, l’autore racconta la storia di suo nonno, dalle sue origini nel Monferrato degli anni venti e trenta fino alla tormenta della guerra, dalla campagna di Grecia alla prigionia in Germania e fino all’avventura del ritorno nella patria devastata.
    Questa storia è anche un’ode alle libertà, che sembra sparire nei cupi giorni nostri.
    Così ne parla l’autore: «I miei libri hanno probabilmente tratto ispirazione da esperienze di vita come quella di Giuseppe. Gli uomini nascono per essere liberi, non schiavi di un regime politico o di una casta. Gli uomini nascono per cercare la felicità, pur restando responsabili delle proprie scelte e dei propri errori, non per portare il peso delle decisioni di dittature burocratiche o totalitarismi senza volto.»
    “Giuseppe”, è una storia di un altro tempo, ma con lezioni per oggi.

  • img-book

    Aa. Vv.,
    2020 – F.to 15×21, pp. 128

    “I piccoli spazi sono il pianerottolo di casa , la terrazza dove poter guardare cosa ci circonda , le pagine di un libro , le mura di una casa durante il lockdown , ed è proprio in questi luoghi che sono nate tante storie.
    Le mura possono essere vissute come un qualcosa che ci divide , che ci separa dagli altri e dal mondo esterno, un muro può separare due popoli , ma per una persona anziana può essere qualcosa di diverso , un luogo che racconta la loro storia, dove è raffigurata la loro storia , un luogo impregnato di memoria in cui ogni parola che ne esce è pura saggezza
    Le prospettive da cui si vedono le cose può rendere bello o brutto ciò che si sta vedendo o vivendo, sta a noi ricercare la giusta posizione per far si che nascano sempre più grandi storie”

  • img-book

    Aa. Vv., Traduzione a cura di Mario Polia

    2016 – F.to 10×21, pp. 202

    Questa raccolta di haiku è frutto di un personale cammino di ricerca “poietica” durato alcuni anni. All’origine, raccolte in quaderni, le traduzioni non erano destinate alla pubblicazione ma costituivano una sorta di “diario” che documentava in modo tangibile i risultati della mia ricerca. Un risultato mantenuto a lungo allo stato fluido poiché i testi, scritti a matita, subivano continue modifiche a seconda di come andava evolvendo la ricerca e di come andava affinandosi la mia sensibilità e la conoscenza della lingua giapponese.

     

  • img-book

    Aa. Vv., Traduzione a cura di Mario Polia

    2016 – F.to 10×21, pp. 168

    Questa raccolta di haiku è frutto di un personale cammino di ricerca “poietica” durato alcuni anni. All’origine, raccolte in quaderni, le traduzioni non erano destinate alla pubblicazione ma costituivano una sorta di “diario” che documentava in modo tangibile i risultati della mia ricerca. Un risultato mantenuto a lungo allo stato fluido poiché i testi, scritti a matita, subivano continue modifiche a seconda di come andava evolvendo la ricerca e di come andava affinandosi la mia sensibilità e la conoscenza della lingua giapponese.

     

  • img-book

    Aa. Vv., Traduzione a cura di Mario Polia

    2016 – F.to 10×21, pp. 236

    Questa raccolta di haiku è frutto di un personale cammino di ricerca “poietica” durato alcuni anni. All’origine, raccolte in quaderni, le traduzioni non erano destinate alla pubblicazione ma costituivano una sorta di “diario” che documentava in modo tangibile i risultati della mia ricerca. Un risultato mantenuto a lungo allo stato fluido poiché i testi, scritti a matita, subivano continue modifiche a seconda di come andava evolvendo la ricerca e di come andava affinandosi la mia sensibilità e la conoscenza della lingua giapponese.

     

  • img-book

    Aa. Vv., Traduzione a cura di Mario Polia

    2016 – F.to 10×21, pp. 94

    Questa raccolta di haiku è frutto di un personale cammino di ricerca “poietica” durato alcuni anni. All’origine, raccolte in quaderni, le traduzioni non erano destinate alla pubblicazione ma costituivano una sorta di “diario” che documentava in modo tangibile i risultati della mia ricerca. Un risultato mantenuto a lungo allo stato fluido poiché i testi, scritti a matita, subivano continue modifiche a seconda di come andava evolvendo la ricerca e di come andava affinandosi la mia sensibilità e la conoscenza della lingua giapponese.

     

  • img-book

    Aa. Vv., Traduzione a cura di Mario Polia

    2016 – F.to 10×21, pp. 162

    Questa raccolta di haiku è frutto di un personale cammino di ricerca “poietica” durato alcuni anni. All’origine, raccolte in quaderni, le traduzioni non erano destinate alla pubblicazione ma costituivano una sorta di “diario” che documentava in modo tangibile i risultati della mia ricerca. Un risultato mantenuto a lungo allo stato fluido poiché i testi, scritti a matita, subivano continue modifiche a seconda di come andava evolvendo la ricerca e di come andava affinandosi la mia sensibilità e la conoscenza della lingua giapponese.

     

  • sconto
    img-book

    Aa. Vv., Traduzione a cura di Mario Polia

    2016 – F.to 10×21, pp. 862

    Questa raccolta di haiku è frutto di un personale cammino di ricerca “poietica” durato alcuni anni. All’origine, raccolte in quaderni, le traduzioni non erano destinate alla pubblicazione ma costituivano una sorta di “diario” che documentava in modo tangibile i risultati della mia ricerca. Un risultato mantenuto a lungo allo stato fluido poiché i testi, scritti a matita, subivano continue modifiche a seconda di come andava evolvendo la ricerca e di come andava affinandosi la mia sensibilità e la conoscenza della lingua giapponese.

     

  • img-book

    Sara Mazzaglia,
    2018 – F.to 15×21, pp. 28

    Il libro tratta del viaggio dei minori migranti non accompagnati e di come tale viaggio sia un viaggio non della speranza ma fantasma in quanto i minori affrontano durante il viaggio pericoli per la loro salute e la loro vita stessa. Inoltre quando arrivano nei luoghi di destinazione non vi è un’accoglienza reale ma di tipo fantasma poiché mancano le risorse effettive per accoglierli, per cui spesso cadono in reti criminali e in ogni tipo di sfruttamento.
    Pertanto il libro vuole sensibilizzare la tutela dei loro diritti umani attraverso una solidarietà che parta anche dai loro luoghi di origine per evitare loro sofferenze terribili.

  • img-book

    Russo Valentina, Ercolano Giuliana,
    2020 – F.to 23×23, pp. 52

    La notte, a casa di Alice, quando le luci si spengono e lasciano che il buio riprenda il suo posto, succede qualcosa di magico… I Balocchi prendono vita, vanno in giro, giocano e raccontano storie. Storie semplici ma ricche di messaggi importanti per i bambini e per gli adulti che li accompagnano verso la Felicità.

  • img-book

    Sara Mazzaglia,

    2017 – F.to 15×21, pp. 36

    Il libro analizza i bambini soldato, le loro sofferenze e il condizionamento psicologico subito attraverso i neuroni specchio.
    Inoltre viene dato risalto alla prevenzione e alla loro salute mentale per evitare i danni psicologici ed esistenziali e l’alterazione degli equilibri della pace nella società, ricordando che vi deve essere una tutela per i loro diritti umani violati.

  • img-book

    Ciuffoletti Rodolfo

    2015 – F.to 16×23, pp. 128

    Giorno dopo giorno, ora dopo ora, tutte le incursioni aeree che si susseguirono nell’area di Terni tra l’agosto 1943 e il giugno 1944 in un crescendo che raggiunse il parossismo finale con i bombardamenti notturni a tappeto nei giorni immediatamente precedenti la liberazione. Un tassello mancante nel mosaico della storia di Terni.

  • sconto
    img-book

    Adolfo Puxeddu

    2015 – F.to 16×23,5, pp. 216

    All’Entrata in Guerra dell’Italia, nel 1o Conflitto Mondiale (24 Maggio 1915) la Brigata Sassari era formata nella stragrande maggioranza da Sardi, provenienti dai Distretti Militari di Cagliari, 151o Reggimento, e di Sassari, 152o Reggimento. Alla Brigata vennero aggregati dei fanti Umbri, provenienti dai Depositi Militari di Perugia e di Spoleto, soprattutto come componenti del Reparto Salmerie del 152o Regg.to. Sulla Fronte del Carso, nelle battaglie per la conquista dei Boschi Lancia, Triangolare e Cappuccio, nei mesi di luglio e di agosto del 1915, la Brigata affrontò valorosamente il nemico Austro-ungarico, subendo però ingentissime perdite di vite umane, tra cui quelle di ben 50 Fanti Umbri, affratellati con i Sardi sul Campo dell’Onore.L’autore, attraverso l’esame dei loro fogli matricolari, ne ricostruisce la loro breve storia militare, inquadrandola negli eventi bellici di cui furono protagonisti. Vengono anche brevemente tratteggiate le condizioni socio-economiche dell’Umbria e della Sardegna, dall’Unità d’Italia alla deflagrazione della Grande Guerra.

  • img-book

    Acquistabile anche in Stock – Minimo 10 copie (cumulabili con altri titoli in stock) con il prezzo scontato del 75% solo dopo aver contattato la Morphema Editrice all’indirizzo fabio@morphema.it

    Ezio Sangalli,
    2019 – F.to 15×21, pp. 128
    Fermo! Resta! No!…
    Anche se non sempre riusciamo a farci capire, quante volte, noi che viviamo con un amico a quattro zampe, abbiamo ripetuto queste parole?
    In questo libro/vademecum sono riportate le avventure di Ezio, le sue giornate “tipo” trascorse con il branco del quale ne è il capo.
    Lui non è un addestratore, è solo un uomo che in età avanzata ha riscoperto la bellezza di condividere la vita con il branco di suoi splendidi cani. Vita che è stata radicalmente cambiata in meglio. Potremo così imparare dalle sue preziose esperienze come riuscire a farci capire dai nostri amici a quattro zampe come perfezionare quello scambio di segnali che diverranno il parlare quotidiano fra noi e loro. Scopriremo attraverso l’amore condiviso con queste splendide creature che ci rendono migliori, quei consigli per riuscire a gestirli al meglio. Un libro ricco d’amore, scritto con garbo che sono sicura vi conquisterà… E allora… Buona lettura… da tutto il branco!