• img-book

    Adolfo Puxeddu,
    2020 – F.to 21×29,7, pp. 200

    L’Autore, ottantatreenne, estimatore fin dalla gioventù di Napoleone Bonaparte, ha raccolto nel corso di dieci lustri: 1. centinaia di soldatini di piombo, di stagno, di latta, di porcellana, di carta, inseriti in decine di diorami storici, da lui allestiti con modellini di edifici, castelli, cattedrali, isole, costruiti con cartoni prestampati di case editrici specializzate; 2. Decine di stampe Napoleoniche d’epoca e pitture; 3. una biblioteca personale con più di 700 libri di argomento Napoleonico, dall’Ottocento ad oggi. Il presente Catalogo, che descrive la sua Collezione Napoleonica, denominata con il neologismo da lui proposto di “Napoleoneum”, è preceduto da una sintetica Cronologia Napoleonica, per meglio inquadrare i singoli reperti riportati nel testo, a 250 anni dalla nascita del ‘Grande Corso’.

  • img-book

    Adolfo Puxeddu,
    2021 – F.to 16×23, pp. 64

    La narrazione della figura di San Valentino Martire e Vescovo di Terni occupa la parte centrale del volume con la sua storia, le leggende, il culto e il ministero episcopale nella sua Chiesa diocesana di Terni- Interamna-Nahars, di cui è “Patrono Massimo”.

  • img-book

    Adolfo Puxeddu, Ciano Ricci Feliziani, Giocondo Talamonti,
    2021 – F.to 16×23, pp. 312

    A volte un libro può essere molte cose assieme e quello che state per leggere è uno di questi. In esso, per prima cosa, si parla dell’Associazione Culturale per Terni Città Universitaria che dà il titolo al volume, con la narrazione delle vicende della nascita e naturalmente dell’attività dell’Associazione, soprattutto dell’impegno di chi, nel corso degli anni, ha fatto sì che essa diventasse una realtà importante della Città e anche dell’intera Regione. Ma al suo interno troverete molto di più.
    Ripercorrere la nascita e le attività dell’Associazione Culturale per Terni Città Universitaria, non significa infatti solo leggere un interessante racconto cui ci si sono dedicati con tanta passione gli Autori di quest’opera. Nel raccontare dell’Associazione, questo libro inevitabilmente finisce per essere anche una cronaca puntuale, ricca di dettagli, di quel lungo processo che ha portato alla formazione e allo sviluppo del polo universitario di Terni.

     

  • img-book

    Adolfo Puxeddu,
    2018 – F.to 21×29,7, pp. 80
    Amarcord di una partita di pallone giocata alla fine degli anni cinquanta del ‘900 dalle squadre dei chirurghi,”il Bisturi”, e dei medici, “la Medica”, del Policlinico Monteluce di Perugia, acerrime rivali nel football, sul terreno neutro di San Martino in Campo. Queste periodiche ‘titaniche tenzoni’, che hanno visto successivamente coinvolte anche le altre Cliniche e le strutture tecniche ed amministrative del Policlinico, sono perdurate, con grande partecipazione degli interessati, fino alla metà degli anni novanta, epoca in cui hanno progressivamente perso il loro fascino per il mutato clima sociale anche all’interno del Policlinico.

  • img-book

    Adolfo Puxeddu,
    2020 – F.to 21×29,7, pp. 208

    Il Prof. Oddo Casagrandi (Lugo [RV], 6 settembre 1872 – Milano, 8 gennaio 1943), Professore Ordinario di Igiene, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia e Magnifico Rettore della Regia Università di Cagliari, nonché appassionato fotografo ‘dilettante’, durante la sua permanenza in Sardegna (1904-1915), prima del suo trasferimento nella R. Università di Padova, effettuò una serie di 58 Diapositive in vetro su “Antropologia ed Etnografia, Sardegna folclore e luoghi, che sono giunte all’osservazione dell’Autore senza didascalie né una loro razionale sequenza. Lo studio accurato di questo materiale fotografico, secondo criteri storici, geografici ed etnografici, ha permesso di poterle raggruppare in specifici ambiti, quali:
    I. La Sardegna Nuragica.
    II. Un flagello millenario della Sardegna, la Malaria.
    III. La Città di Cagliari, capoluogo della Sardegna.
    IV. La Festa di S. Efisio Martire, Patrono di Cagliari.
    V. In viaggio.
    VI. Spunti etnografici.
    VII. La società pastorale.
    Esse rappresentano pertanto una inedita serie di immagini storiche della Sardegna, del periodo 1904-1915, di notevole interesse, che possono essere inserite, legittimamente, nell’ambito di quelle del Sardegna Digital Library.