• img-book

    Andrea Maria Falco,
    2021 – F.to 15×21, pp. 288

    Un passato che riemerge giorno dopo giorno da un diario sconvolgente, per diventare una realtà segnata da un destino ineluttabile.
    Tra splendide città e paesaggi fiabeschi, tra i fischi e il rumore degli scambi di un treno che da sempre ghermisce nei meandri dei suoi fantasmi, la conoscenza sempre più profonda tra Anna e Francesco, compagni di viaggio per caso, percorre un sentiero difficile tra misteri e sotterfugi, tra minacce e pericoli, ma si salderà lungo un percorso che metterà a nudo le ferite dell’animo.
    «Un romanzo che rapisce per un viaggio nello spazio e nel tempo.»

  • img-book

    Fiorella Soldà,
    2021 – F.to 12,5×20, pp. 130

    Il titolo può destare qualche perplessità: “Pelle di Paura – Rosso di Violenza”, ma risponde, secondo l’autrice, al tema trattato: femminicidio, inteso nel suo significato più ampio, senza arrivare ad uccisione di donne perché femmine.
    Il testo si compone di tre settori: Introduzione, Prima Parte, Seconda Parte.
    L’Introduzione – cui segue un’abbastanza corposa Bibliografia aggiornata fino all’ultimo libro di Murgia e Tagliaferri con la loro trovata dello “schwa”, suggerito dalla sociolinguista Vera Gheno – ha lo scopo di chiarire, se ce ne fosse bisogno, il significato, l’origine storica del termine, con relative citazioni di donne e uomini di scienze, lettere, psicologia, cultura che hanno trattato l’argomento.
    La prima Parte entra rapidamente nell’intreccio del racconto con personaggi e situazioni di fantasia. La protagonista viene colta nella sua vita segnata da violenze psicologiche e fisiche.
    La Seconda Parte segue la stessa protagonista, con altre donne, in una “Casa Protetta”.
    Il tutto è narrato non in sequenze cronologiche, ma nell’insieme del succedersi degli eventi: il presente, il passato che torna ed il finale “aperto”, secondo la predilezione dell’autrice.