• img-book

    Acquistabile in Stock – Minimo 10 copie con il prezzo scontato del 75% solo dopo aver contattato la Morphema Editrice all’indirizzo fabio@morphema.it

    Adolfo Puxeddu, Marianne Gackenholz Puxeddu,

    2017 – F.to 16,5×23, pp. 80

    A più di 70 anni dalla fine del secondo conflitto mondiale, in un periodo storico di grande instabilità per il riaccendersi di aspre conflagrazioni, con guerre di religione su scala mondiale, che causano inenarrabili stragi di innocenti ed emigrazioni epocali di intere popolazioni per sottrarsi alle distruzioni ed alla fame, questi scritti rappresentano, pur nella loro semplicità, una ulteriore attestazione dell’insoppri-mibile anelito di pace dell’umanità.

  • img-book

    Acquistabile in Stock – Minimo 10 copie con il prezzo scontato del 75% solo dopo aver contattato la Morphema Editrice all’indirizzo fabio@morphema.it

    Adolfo Puxeddu, Gackenholz Puxeddu Marianne,
    2019 – F.to 15×21, pp. 88

    Terni, l’antica Città Romana Interamna Nahars, iniziava il XVII secolo con il rinvenimento (21 giugno 1605) delle sacre spoglie del suo Santo Protettore San Valentino, in un sacello della diruta chiesa a lui dedicata. Il Cardinale Francesco Angelo Rapaccioli, Vescovo di Terni, donava, d’altro canto, nel 1651 alla Diocesi la Reliquia del Preziosissimo Sangue di Gesù Cristo, offrendola alla venerazione della popolazione Ternana ogni prima domenica di maggio. Durante la peste del 1656 / 1957 che colpì Terni, il Vescovo diocesano Sebastiano Gentili, fidente nella Misericordia Divina, benediceva con la preziosa Reliquia, dall’alto dell’antica Torre dei Barbarasa, la cittadinanza stremata, rinchiusa nelle domestiche pareti a piangere sulle salme estinte o sui morenti dei loro cari. Nel 2017, da S. E. Rev.ma Mons. Giuseppe Piemontese, Vescovo di Terni, Narni, Amelia, la reliquia del Preziosissimo Sangue di Gesù Cristo è stata nuovamente esposta alla venerazione dei fedeli nella Cattedrale di Terni, nell’ambito della Festa liturgica del Preziosissimo Sangue, per implorare la Misericordia Divina a protezione della Diocesi dai nuovi flagelli dell’Umanità.